Alagna-freeride.com & Sommerschi.com

liberté sans limites...
Aktuelle Zeit: Mo, 11.12.2017, 1:18

Alle Zeiten sind UTC + 1 Stunde




Ein neues Thema erstellen Auf das Thema antworten  [ 1 Beitrag ] 
Autor Nachricht
BeitragVerfasst: Fr, 16.08.2013, 19:01 
Offline
Benutzeravatar

Registriert: So, 18.12.2005, 19:12
Beiträge: 6856
Wohnort: innsbruck.at
Lange hatten wir gerätselt...

Auf http://www.funiviedelgarda.it/it/articles/Doc-Societari_34.htm finden sich die Bilanzen seit 2004. In den Bilanzen erfährt man, dass die Lifte bis Juli 2009 einer anderen Gesellschaft gehörten (oder diese zumindest für den Betrieb zuständig waren).

Der letzte Winterbetrieb war von meiner Seite aus in der Saison 2008/2009. Womit eine Sache schon mal geklärt war.

Auf der oben verlinkten Seite findet sich aber auch ein aktuelles Communicato. Und hier erfährt man, warum trotz des Rebuilts 2005 um 1.850.000,- € (alles öffentliche Gelder!) bereits 2009 die Vita Tecnica abgelaufen ist:

Zitat:
L'intervento però fu fatto senza l'accortezza di acquistare e impiegare prodotti marchiati CE in modo da poter garantire una vita tecnica più lunga e comunque di avere pezzi sostitutivi conformi alla normativa.

Man hat also damals (angeblich) Ersatzteile/Produkte ohne CE-Kennzeichnung eingesetzt. Wie blöd kann man bitte sein? 1.8 Mio an öffentlichen Geldern aufwenden für zwei Seilbahnen, wissentlich, dass in 4 Jahren die vita tecnica ausläuft?

2009 wurde somit die "allerletzte" Verlängerung bis August 2011 erteilt, danach noch die Verlängerung bis 21.8.2013. Und ob es noch eine weitere Verlängerung gibt, ist derzeit noch offen. (Oder schon abgelehnt?)

Hier das komplette Communicato, für den Fall, dass es offline gestellt wird:

Zitat:
COMUNICATO DEI SINDACI DI SAN ZENO DI MONTAGNA, DI BRENZONE
E DELLA PRADA COSTABELLA S.R.L

Ai cittadini dei Comuni di San Zeno di Montagna e di Brenzone crediamo sia doveroso chiarire la situazione
e il percorso della Funivia Prada Costabella, anche e soprattutto vista la comunicazione apparsa su
“L'Arena” l'11/8/2013 e sottoscritta dai rappresentanti delle minoranze dei due Comuni.
Nel 2004 le precedenti Amministrazioni (tra cui vi erano alcuni firmatari del documento in questione) spesero
1.850.000,00 € per il ripristino degli impianti. Le somme pervennero da contributi regionali (1.000.000,00 €.),
Camera di Commercio e Provincia (150.000,00 €. ciascuno), e da un mutuo acceso dai due Comuni
(550.000,00 €.).
L'intervento però fu fatto senza l'accortezza di acquistare e impiegare prodotti marchiati CE in modo da poter
garantire una vita tecnica più lunga e comunque di avere pezzi sostitutivi conformi alla normativa. Vennero
quindi spesi 1.850.000 € di soldi pubblici per mantenere la scadenza dell'impianto dalla stagione 2005
all'agosto 2009 (quindi 1.850.000 €. per gestire gli impianti per meno di 4 anni!!).
Alla data di insediamento delle nuove Amministrazioni, nel 2009, dunque:
Non era stato avviato il procedimento presso Provincia ed Ustif per dare corso alla proroga della vita tecnica,
attività che dovettero essere implementate urgentemente dal nuovo Presidente, Rag. Bortolussi, e dai
Comuni, con rischio di chiusura già nel 2009. Al cambio delle Amministrazioni, dunque, la vita
dell’infrastruttura, in mancanza di interventi urgenti, sarebbe immediatamente scaduta.
Ma non solo.
La gestione era stata affidata sin da subito dalla società comunale …a cooperative private esterne, con
l’evidente risultato di impoverire i Comuni che dovevano pagare i mutui, a tutto vantaggio delle società
affittuarie.
A tal proposito va detto che al passaggio di consegne, i nuovi Amministratori comunali e della società
rinvennero “nel cassetto” una lettera di disdetta da inviare al Consorzio di Cooperative per far cessare il
rapporto nel 2009, che il Presidente della Prada Costabella s.r.l. Castellani Cipriano aveva “ritenuto di non
spedire”. Il risultato fu che il contratto si rinnovò, in base alle clausole negoziali, per un nuovo periodo di
quattro anni. Le nuove Amministrazioni dei Comuni e il nuovo C.d.A. furono costretti ad impegnarsi in una
lunga trattativa con il Consorzio di Cooperative, che portò ad una transazione, in cui la società comunale fu
costretta ad accettare ed acconsentire alla cooperativa la gestione dell’impianto, per un altro anno (2010)…
Queste gestioni lasciarono, dopo ben cinque anni, nella cassa della società 86.266 €. Si consideri che nel
2006, a seguito di rimborsi erariali, la cassa era di 159.789 €.
Tutti i dati sono facilmente riscontrabili sui bilanci pubblicati sul sito della società.

Riassumendo:
· dalle precedenti Amministrazioni vennero spesi 1.850.000 €. di soldi pubblici senza dare alcun
respiro alla vita tecnica degli impianti;

· venne data la gestione a società esterne ;
· la cassa lasciata fu di 86.266 €., malgrado un ingente rimborso iva (nel 2005 era di 159.789 €.);

Sostanzialmente le spese furono imputate agli Enti pubblici, tra cui ben 550.000,00 a carico dei due comuni,
mentre a beneficiarne furono società esterne........
L'attuale amministrazione della Prada Costabella s.r.l. trovò quindi :

· un impianto con scadenza pendente (si è comunque riusciti ad ottenere 4 anni di proroga e con
enormi sforzi si sta cercando di ottenerne un'altra);
· un contratto di affitto con società terze che non volevano lasciare la gestione…;
· un bilancio praticamente inesistente perché l’utile era del tutto “esternalizzato” (oggi è difficile
ottenere credito per una società praticamente priva di bilancio e senza flusso di cassa): se si fosse
attuata la gestione diretta…oggi vi sarebbero molte più risorse da impiegare e anche l’investimento
sarebbe più agevole;
· un debito lasciato a carico dei Comuni (i Comuni stanno tuttora pagando le rate del finanziamento).
L'attuale amministrazione decise, nel 2009, di sobbarcarsi ”l'onere” di gestire direttamente l’impianto,
confidando di poter risollevare, come i dati hanno poi dimostrato, il bilancio della società comunale.
E in due anni di gestione (a settembre si completerà il terzo anno), è riuscita “magicamente” ad invertire il
flusso di cassa e a portare la cassa, prima in costante diminuzione, dai precedenti 86.266 € (bilancio 2010)
ai 151.376 del bilancio esercizio 2012 (attualmente la cassa è di 314.187,66 €).
Questo in meno di tre anni di gestione diretta.
Tutto ciò, malgrado in questi anni si siano dovuti sostenere dei costi straordinari per l'ottenimento delle varie
proroghe, in quanto ogni anno l’USTIF richiede delle progettazioni sempre di maggiore dettaglio.
Quanto poi agli investimenti per il nuovo impianto, pare ingeneroso l’attacco mosso dalle minoranze,
attesa la difficilissima temperie economica e l’attuale crisi: in ogni caso, non è certo rispondente al
vero che l’ente di proprietà comunale non si sia dato da fare su questo fronte, anzi come si può
capire, l'impegno di Società e Comuni è stato ed è massimo, sia per il salvataggio che per il rilancio
della struttura.
Nel 2012 si è dato corso ad un ampio progetto presentato in sede provinciale, ai fini della partecipazione ai
contributi legati ai fondi FAS (Fondo Aree sottoutilizzate, asse 4 – “mobilità sostenibile” impianti a fune), con
la progettazione delle nuove cabinovie aperte su unica tratta e con il mantenimento della fermata intermedia.
Il progetto ha superato la prima fase di esame preliminare in sede provinciale, si attende che la Regione dia
corso al bando di assegnazione, i cui tempi non dipendono da noi.
Presso il Credito Sportivo, tramite il Presidente Venturini, si è dato corso a richiesta di finanziamento per la
quale sono state richieste integrazioni documentali da parte dell’Ente finanziatore. Per quanto riguarda
Veneto Sviluppo, immediatamente i Comuni hanno a suo tempo contattato questo ente finanziatore, ma si è
accertato che le linee di garanzia o di finanziamento che possono essere concesse devono essere
combinate con il finanziamento principale, sempre che i Comuni o la società Prada Costabella S.r.l. rientrino
tra i soggetti finanziabili (le verifiche sono tuttora in corso).
Si ritiene pertanto poco oggettiva la comunicazione fatta via stampa dalla minoranza, e soprattutto
inopportuna perché, invece di collaborare per il salvataggio dell'impianto, dei posti di lavoro
connessi e delle strutture ricettive che ne beneficiano, si è preferito speculare su una situazione così
critica ma, ciò che è più grave, creata dalle precedenti gestioni.

I Sindaci di San Zeno di Montagna, di Brenzone ed il C.d.A. di Prada Costabella S.r.l.

_________________
http://ski.inmontanis.info - http://blog.inmontanis.info
Überblick Berichte Ski-Saison 1.10.2016-30.9.2017 (116 Tage, 71 Gebiete)


Nach oben
  
 
Beiträge der letzten Zeit anzeigen:  Sortiere nach  
Ein neues Thema erstellen Auf das Thema antworten  [ 1 Beitrag ] 

Alle Zeiten sind UTC + 1 Stunde


Wer ist online?

Mitglieder in diesem Forum: 0 Mitglieder und 1 Gast


Du darfst keine neuen Themen in diesem Forum erstellen.
Du darfst keine Antworten zu Themen in diesem Forum erstellen.
Du darfst deine Beiträge in diesem Forum nicht ändern.
Du darfst deine Beiträge in diesem Forum nicht löschen.
Du darfst keine Dateianhänge in diesem Forum erstellen.

Suche nach:
Gehe zu:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Deutsche Übersetzung durch phpBB.de